INCONTRI CON I QUATTRO ELEMENTI

Primavera, giornate di sole e di profumata pioggia, aria aperta: finalmente possiamo tornare a gustare i doni della natura anche all’aperto.

Ecco allora alcune proposte per incontrare i 4 Elementi, con l’intenzione di mantenere vivo lo sguardo attento al mondo sottile che ci circonda.
[Esperienze per bambini dai 4 anni ai 99!]

 TERRA.

– Vai alla ricerca di terre di diversi colori, raccoglile in bustine o piccoli sacchetti e portale a casa con te: osservale, toccale, strofinale tra le mani, esplorale attentamente, magari dotandoti di qualche strumento (una lente di ingrandimento? un foglio su cui appoggiarle? una superficie trasparente? uno specchio?). Prova poi a mischiarle con l’acqua: accade qualcosa?

– Amica Terra: tocca la terra come se fosse la tua più cara amica/amico, accarezzala, annusala, ascoltala;

– Strofina un pigmento di qualsiasi natura (terra, foglie, petali di fiore, cenere…) sui tuoi gomiti e appoggiali su un foglio bianco [liberamente tratta da Keri Smith (2010), Piccolo manuale dei grandi sbagli, Corraini editore].

– Fai crescere le tue radici nella terra: mettiti in piedi in un luogo naturale, ascolta bene l’appoggio dei tuoi piedi sul terreno e immagina che da questi crescano delle radici che penetrano nella terra, fatti accompagnare dalla voce di qualcuno per non perderti nella discesa, immagina di essere ben saldo come un albero. Ora metti alla prova la forza delle tue radici chiedendo a qualcuno di spostarti, cercherai di resistere più che puoi, proprio come farebbe un albero, senza spostare i piedi;

– Cammina come se fossi…: inizia a camminare immaginando di essere sul ghiaccio, devi far ben attenzione a non romperlo, poi come se fossi sulla spiaggia d’estate nell’ora più calda, fai la mamma di corsa al mattino, il soldato, il robot, la principessa, sperimenta diverse camminate notando come cambiano;

– Cercati: trova un sasso o un albero che credi ti assomigli e prenditene cura

– Mandala della natura: raccogli foglie, sassi, rami, fiori, erba e componi alcuni cerchi, uno dentro l’altro.

ARIA

-Siediti e ascolta il tuo respiro, l’aria che entra dentro di te e l’aria che esce da te, alla fine di ogni espirazione fai un suono con un oggetto o con il tuo corpo.

-Meditazione della Nuvola: sdraiati e guarda il cielo, osserva le nuvole come cambiano, crea personaggi e immagina avventure.

-Ascolta l’aria che ti separa da qualcuno davanti a te. Come la senti? È leggera/pesante? È frizzante/calma? È fredda/calda?

-Canta: ascolta il tuo canto che esce dalla bocca e si diffonde nell’aria.

-Balla e muovendoti accarezza l’aria che ti circonda.

-Recupera un telo, il più leggero che trovi, prova a farlo danzare con te, con movimenti lenti e poi più veloci, corri e fallo volare!


FUOCO

⁃ Dopo aver osservato attentamente una fiamma ricerca tra i colori che hai a disposizione quelli che hai visto.
Stendi della carta sul pavimento e con i colori del fuoco esprimiti e crea la tua opera!

⁃ Siediti in una stanza buia e accendi una candela. Guarda le proiezioni che i movimenti della fiamma crea nella stanza e sulle pareti. Possono crearsi immagini, figure, ambienti differenti. Lascia spazio alla tua immaginazione!

⁃ Se hai la possibilità accendi, con l’aiuto di un adulto, un fuocherello e sperimenta la sua reazione al sale, allo zucchero, alla cannella, ai sassi, alle foglie, alla paglia.

⁃ Siediti davanti ad una candela, osserva i movimenti della fiamma e perditi in lei. Prova poi lentamente ad avvicinare le mani e inizia a muoverle piano piano come se tu fossi la fiamma e seguissi i suoi movimenti.

⁃ Siediti davanti ad una candela e guarda attentamente la sua fiamma, nota tutti i suoi movimenti. A tratti sembra danzare, altre volte correre, può essere molto timida o più coraggiosa.

ACQUA

– Fai gocciolare su un foglio del liquido colorato (thè, caffè, acqua colorata…), muovi il foglio in modo da far andare il liquido in tutte le direzioni e poi lascia che si asciughi.

– Soffia sul liquido con una cannuccia oppure piega la pagina e crea un’immagine simmetrica.

– Realizza un dipinto con uno strumento a base di acqua (penna, pennarello, acquarello,
pittura…) poi lascialo sotto la pioggia.

– Sgocciola su un foglio un liquido (inchiostro, thè, caffè…) facendolo cadere dall’alto,
almeno un metro e mezzo e rimani ad osservarne il movimento.

[Liberamente tratti da Smith K. (2010), Piccolo manuale dei grandi sbagli, Corraini Editore]

– La Cascata: immagina di essere sotto ad una cascata impetuosa e riempi tutto il tuo corpo d’acqua con ondate che partono dalla testa e arrivano fino a mani e piedi ogni volta sempre più forti e veloci. Poi termina e ascolta cosa si è creato dentro di te.

– Riflesso: vai alla ricerca di uno specchio d’acqua, mettiti in una posizione comoda e osserva come questo riflette il tuo viso: lo modifica? Lo allunga? Lo stringe? Rimane uguale?

– I semi: con un adulto vai alla ricerca di una cosa in cui ti senti capace, una cosa che ti fa stare bene e che ti riesce bene. Ora immagina che sia un piccolo seme che metti nella tua pancia e di innaffiarlo attraverso la cascata che abbiamo visto sopra. Questa volta porta l’acqua alla pancia, anziché alle mani. Ad ogni nuova cascata immagina che il semino cresca dentro di te si alzi, salga al tuo cuore, raggiunga il viso fino ad arrivare ad oltrepassare la tua testa.
Lo lasci uscire e ne gusti la sua fioritura.